STORIA

Usi attuali dei pomodori

Storia  

Lo stato messicano di Sinaloa, noto per la produzione di pomodori, lo ha assunto a proprio emblema.

I pomodori vengono ormai mangiati tranquillamente in tutto il mondo e il loro consumo è considerato vantaggioso per il cuore e non solo. Il licopene, uno degli antiossidanti naturali più potenti, è presente nei pomodori e, soprattutto se cotti, pare abbia effetti positivi nella prevenzione del tumore alla prostata. Tuttavia, altre ricerche sostengono il contrario.

Sebbene dal punto di vista botanico sia un frutto, dal punto di vista nutritivo il pomodoro è considerato una verdura. Dato che ‘verdura’ non è un termine botanico, non c’è contraddizione tra la definizione botanica di frutto e la sua catalogazione come verdura.

I pomodori sono usatissimi nella gastronomia mediterranea e mediorientale, soprattutto in Italia. I pomodori contengono acidi organici che li rendono specialmente facili da conservare in casa sotto forma di sughi o salse senza fare uso di conservanti.

La prima azienda di conserve di pomodoro fu la Harrison Woodhull Crosby di Jamesburg, in New Jersey. Il succo di pomodoro viene spesso venduto come bevanda, mentre i pomodori verdi acerbi possono essere sfruttati per salse, spalmati sul pane, fritti o conservati sottaceto.

A Buñol, una località spagnola, si svolge annualmente La Tomatina, una vera e propria battaglia campale con lancio di pomodori. I pomodori vengono usati anche come armi ‘inoffensive’ in occasione di proteste di massa; è inoltre diffuso il lancio di pomodori marci contro gli artisti scadenti, per quanto oggigiorno si tratti di un’usanza ormai simbolica. Viste le sue caratteristiche di ortaggio di protesta, il Partito socialista olandese lo ha adottato come simbolo. Lo stato messicano di Sinaloa, noto per la produzione di pomodori, lo ha assunto a proprio emblema.