VITA

La dieta mediterranea

Alimentazione  Salute  

Un modello alimentare moderno basato sulle abitudini gastronomiche tradizionali di alcuni dei paesi del bacino mediterraneo, soprattutto Grecia e Italia meridionale.

La dieta mediterranea è un modello alimentare moderno basato sulle abitudini gastronomiche tradizionali di alcuni dei paesi del bacino mediterraneo, soprattutto Grecia e Italia meridionale. Comune a tutte le diete della regione è il gran consumo di frutta e verdura, pane, frumento e altri cereali, olio d’oliva, pesce e vino rosso. Si tratta di un’alimentazione definita salutare per via del basso contenuto di grassi saturi e dell’alto contenuto di grassi monoinsaturi e fibre alimentari.

Fu lanciata una prima volta negli anni ’50 dal medico americano Ancel Keys, ma non ha ottenuto diffusione mondiale fino agli anni ’90. Dal punto di vista delle principali correnti nutrizionali, essa si fonda su un apparente paradosso: benché i popoli dei paesi mediterranei tendano a consumare quantità relativamente alte di grassi, presentano un tasso di malattie cardiovascolari inferiore rispetto a paesi come gli Stati Uniti, dove se ne consumano quantità analoghe.

Una delle principali spiegazioni pone l’accento sull’uso diffuso dell’olio d’oliva nella dieta mediterranea. Al contrario dei molti grassi animali della dieta americana, l’olio d’oliva abbassa il livello di colesterolo nel sangue. Riduce inoltre i livelli di zucchero nel corpo e la pressione sanguigna. Inoltre, il consumo di vino rosso è un altro potenziale fattore positivo, dato che contiene flavonoidi con potenti proprietà antiossidanti.

I fattori dietetici sono però probabilmente solo una delle ragioni della migliore salute di cui godono i popoli mediterranei; anche la genetica, lo stile di vita e l’ambiente svolgono un ruolo importante. È stato sollevato qualche dubbio sull’effettivo apporto nutritivo, soprattutto di calcio e ferro, della dieta. Tuttavia, la verdura a foglie verdi, un’ottima fonte di calcio e ferro, e il formaggio di capra, che fornisce calcio, sono molto comuni sulle tavole mediterranee.

Tratti salienti della dieta mediterranea:

Alto consumo di pane, pasta, riso, cuscus, polenta, bulgur e patate.
Alto consumo di frutta (3-4 frutti ogni giorno), legumi e verdura (5 varietà diverse)
Quantità moderate di pesce alla griglia o lesso
Quantità moderate d’olio d’oliva, che accompagna verdure fresche e insalate
Piccole porzioni di carne rossa magra, senza grassi visibili, nuove varietà di maiale
Alcol in dosi ridotte
Attività fisica regolare
Alto contenuto di antiossidanti

Olio d’oliva raccomandato:

Olio d’oliva extravergine (fortemente raccomandato)
Ogni varietà d’olio d’oliva.

Grassi da evitare:

Burro
Margarina
Lardo/unto